Non sprecare il cibo: il quarto dei piccoli gesti per migliorare il mondo

non sprecare cibo

Non sprecare il cibo: è il quarto dei piccoli importantissimi gesti per cambiare il mondo, come raccontano i giovanissimi delle Scuole Steiner Waldorf di Reggio Emilia.

Secondo la FAO, nel mondo vengono sprecate oltre 1,3 miliardi di tonnellate di alimenti all’anno, circa un terzo di tutto il cibo prodotto. In un anno ognuno di noi butta via più cibo di quanto pesa!

Alcuni semplici gesti possono contribuire a ridurre lo spreco alimentare ad esempio servendo porzioni non troppo abbondanti; portando a casa dal ristorante il cibo non consumato; acquistando prodotti in base ai reali consumi familiari e non in base alle offerte; conservando il cibo in un posto fresco e comprando prodotti preferibilmente di stagione…

Sarebbe però necessario introdurre anche dei cambiamenti che diminuiscano lo spreco di cibo su larga scala, proporre leggi sullo spreco alimentare e dare i prodotti in scadenza ad enti benefici che li distribuiscano alle persone bisognose.

A Copenaghen ha aperto WeFood, il primo supermercato che permette di ridurre lo spreco alimentare mentre si fa la spesa.

Tra gli scaffali si trovano solo quei prodotti generalmente invendibili a causa della loro data di scadenza ravvicinata o perché hanno imballaggi danneggiati o difetti di produzione, sebbene i prodotti siano egualmente buoni e sicuri. I prezzi del supermercato sono molto vantaggiosi e uniscono il risparmio alla riduzione degli sprechi di cibo.