Acquistare prodotti di seconda mano

prodotti-seconda-mano

Acquistare prodotti di seconda mano: è il decimo piccolo gesto per migliorare il mondo, secondo i bambini delle Scuole Steiner Waldorf.

Ecco l’analisi di una piccola studiosa: mettiamo volentieri il mondo nelle sue mani!

 

Perché comprare prodotti di seconda mano? Anni fa, quando ero piccola, al mercatino della scuola, gironzolando per le bancherelle, avevo visto un bellissimo oggettino di vetro con due uccellini. Lì per lì, l’idea che quell’oggetto fosse stato nella casa e nelle mani di altre persone mi disturbò un po’ , ma mi piaceva così tanto che non ci pensai e me lo feci comprare.

I prodotti “di seconda mano” più diffusi sono auto, arredamento, abbigliamento e antiquariato. Chi frequenta i mercatini dell’usato è spinto da varie motivazioni: la ricerca del vintage, la possibilità di risparmio, e soprattutto negli ultimi anni, nella ricerca di uno stile di vita più eco-compatibile, una maggior consapevolezza che il riutilizzo comporta un risparmio energetico, la riduzione di emissioni di sostanze inquinanti e un minor utilizzo di materie prime.

Uno studio effettuato su oltre 200 punti vendita di oggetti di seconda mano ha rivelato che il riutilizzo di materie prime nell’ultimo anno ha fatto risparmiare oltre 107.000 tonnellate di CO2, ed ha recuperato più di 23.000 tonnellate di oggetti!

Il diffondersi del mercato dell’usato porta le persone ad allontanarsi dai negozi che hanno le ultime proposte del mercato. Devono essere disposte a rinunciare all’ “ultimo grido”, e sono più portate a cercare le cose che “piacciono”, sganciandosi dalla logica consumistica della moda che propone sempre qualcosa di nuovo pur di vendere.