Cestini di pane carasau con crema al limone di Michela Dessì

Michela Dessì, ospite a Sana 2019 nella cucina di Baule Volante vi ha portati alla scoperta dei sapori della sua terra: la Sardegna.

 

   

 

La Sardegna, un’isola affascinante, selvaggia e ricca di tradizione, a partire da quella per il cibo.

Una tradizione che Baule Volante ha deciso di rispettare, inserendo nella linea Specialità regionali il pane carasau. Questo particolare pane è conosciuto anche come carta musica, ed è forse il più famoso e rappresentativo di tutta la regione.

Michela (Cr_eative | mangiapositivo.com) ha scelto di regalarci un versione del tutto inaspettata, rivisitandolo in chiave dolce, unendo così tradizione e creatività.

 

 

 

Ecco la ricetta!

Per 8 cestini:

2 fogli di Pane carasau integrale bio Baule Volante
30 ml succo di mela bio concentrato
100 ml acqua
250 ml bevanda alla mandorla non zuccherata bio
20 g Amido di mais bio Baule Volante
15 g Zucchero di Foresta bio Baule Volante
Scorza di un limone non trattato bio
1 g Vaniglia bourbon in polvere bio Baule Volante
1 g curcuma bio
4 lamponi bio
q.b. granella di nocciole bio
q.b. menta bio
q.b. olio evo delicato bio

Procedimento:

In una teglia diluite con l’acqua il succo di mela concentrato ed immergete un foglio di pane
carasau in modo da ammorbidirlo, tagliatelo con le forbici in 4 rettangolini e bagnateli
nuovamente. Oleate 8 cavità una teglia per mini muffin e in corrispondenza di ciascuno stampo
posizionate ad X il pane carasau. Con l’estremità di un mattarello premete delicatamente sul
fondo ed infornate per 10 minuti in forno ventilato a 170°.
Nel mentre preparate la crema. In un pentolino versate la bevanda alla mandorla, l’amido di mais,
la vaniglia, la curcuma, lo zucchero e la scorza di limone e mescolate a fiamma bassa per 10
minuti. Quando la crema sarà densa, lasciatela raffreddare in frigo.
Una volta raffreddata adagiatela in una sac à poche e farcite i cestini di pane carasau, decorandoli
con la granella di nocciole, i lamponi e una fogliolina di menta.