Distinguere tra vita reale e vita virtuale

vita reale e virtuale

Distinguere tra vita reale e vita virtuale: è il 38° piccolo gesto quotidiano per migliorare il mondo.

Siamo a trentotto, quindi, dei 50 piccoli gesti, un progetto delle Scuole Steiner Waldorf: ci dispiace sentirci già in dirittura d’arrivo.

Da ormai qualche mese, ogni lunedì, i suggerimenti semplici ma creativi e pieni di coraggio dei più piccoli, ci accompagnano facendoci pensare che davvero è possibile un mondo diverso, migliore.

 

Viviamo in una società molto diversa rispetto a dieci o vent’anni fa.

Al giorno d’oggi, con l’avvento dei social, è possibile avere un’identità virtuale che non sempre coincide con quella reale di tutti i giorni.

Certe persone si nascondono dietro una falsa identità, illudendosi che, cambiando aspetto e personalità, possano cambiare anche le proprie vite.

Sempre più persone utilizzano siti di incontro come Meetic e stringono relazioni virtuali con degli estranei credendo che da quell’incontro si possa poi determinare una relazione duratura.

Questa modalità, però, crea uno scollamento con la realtà e in seguito queste persone non sono più in grado di incontrare realmente l’altra persona.

A volte si è così identificati con la vita virtuale da dimenticare cosa si è realmente nella vita di tutti i giorni.

La differenza tra la vita reale e quella virtuale è che con quest’ultima non riesci a trasmettere ciò che realmente sei e quello che senti.

Ognuno di noi dovrebbe avere delle solide, intense e veritiere relazioni, in modo da usare il web con consapevolezza, evitando forme di alienazione e dipendenza.