Fare la raccolta differenziata

raccolta-differenziata

Fare la raccolta differenziata è il piccolo gesto numero 27, dei 50 piccoli gesti quotidiani per migliorare il mondo.

Come dice questo piccolo studente, è un gesto molto importante, importantissimo, anche se può sembrare di poco valore. E ci spiega perché!

 

Per migliorare il nostro mondo, ognuno di noi dovrebbe consapevolmente fare la raccolta differenziata, smistando i rifiuti per categorie in modo che quasi tutto si possa riciclare.

Fare la raccolta differenziata è un gesto molto importante, anche se a prima vista può sembrare di poco valore, in realtà contribuisce a ridurre l’inquinamento perché molti rifiuti vengono riciclati e non finiscono nell’inceneritore.

Ogni sostanza, prima di essere “trasformata”, deve seguire un lungo percorso.

La carta, dall’apposito bidone, viene prelevata e portata nel luogo dove avrà inizio il suo riciclaggio.

Tramite procedure a basso impatto inquinante vengono rimossi tutti gli inchiostri e la cellulosa viene rammollita. Poi, grazie a delle presse, viene compressa e ridiventa carta ancora utilizzabile.

Questa procedura di riciclo è assai importante poiché per produrre una tonnellata di “carta nuova” occorrono ben 15 alberi, 440.000 litri di acqua e 7.600 Kwh di energia elettrica.

L’organico, o umido, viene raccolto negli appositi recipienti e utilizzato per produrre energia elettrica, biogas, oppure diventa concime per l’orto e il giardino.

Il vetro deve subire la pulitura e la frantumazione. Quando è perfettamente puro, viene fuso e ritorna ad essere materia prima per produrre nuovi contenitori.

I rifiuti indifferenziati, invece, non si possono riciclare e il loro smaltimento contribuisce ad inquinare l’ambiente. Tutto quello che c’è nel cassonetto indifferenziato viene bruciato negli inceneritori. L’inceneritore, per quanto sia un’utile invenzione, è molto dannoso: i rifiuti, bruciando, non vengono “fatti sparire”, ma soltanto sminuzzati nell’aria, e così producono sostanze e gas tossici che, nonostante vengano filtrati, danneggiano l’ambiente.

Queste nano particelle sono così piccole che non si vedono ad occhio nudo, ma quando le respiriamo possono causare dannose malattie al nostro corpo.

Il problema non riguarda solo noi europei: in molti paesi in via di sviluppo non ci sono inceneritori ma discariche chilometriche, brutte e malsane.

Dobbiamo attivarci nel fare la raccolta differenziata per evitare di inquinare ulteriormente il nostro pianeta.

La raccolta differenziata è indispensabile per diminuire l’inquinamento del globo terrestre: bruciando meno materiale e migliorando la salute di piante, animali e uomini, il mondo sarà più sano.